Belen e Antonino: l’ex fidanzata dell’hair stylist rivela perché ha parlato solo oggi della telefonata avuta con la Rodríguez!

by Admin

Pubblicato il

Ecco il motivo!

Chiara, l’ex fidanzata di Antonino Spinalbese con cui ha avuto una relazione di quattro anni, ha rilasciato una lunga intervista al settimanale DiPiù!

La ragazza, tra le altre cose, ha parlato della telefonata ricevuta da Belen Rodríguez la scorsa estate. Queste le sue parole, riportate da gossipetv.com:

Ho scritto un messaggio sui social in cui ho detto: “Non mi sento inferiore a nessuno”. Nella bufera era un modo per difendermi, per dire: guardo avanti. E cosa è successo? Mi ha telefonato Belen.

Mi ha invitato a non esternare pubblicamente certi miei pensieri che avrebbero potuto essere fraintesi, ma io ho trovato quella chiamata fuori luogo e ho detto a Belen: “Scusami, perché mi chiami tu e non il mio ex se qualcosa non vi sta bene?” A quel punto non ci siamo più sentiti.

Ma come mai Chiara ha parlato della telefonata avuta con la showgirl argentina a distanza di un anno?

Ecco la sua risposta, riportata da biccy.it:

Mi state chiedendo come mai adesso e non un anno fa? Magari per i follower su Instagram? Magari per una bella copertina? Partiamo dal presupposto che di quella foto in copertina avrei fatto volentieri a meno! Giuro, non mi piaccio per niente, però io sono molto autocritica (e questo è un altro capitolo). In secondo luogo penso che se avessi voluto cavalcare l’onda avrei potuto farlo ad agosto o gennaio, e probabilmente avrebbe avuto molto più ‘rumor’, avrei potuto cantare come un usignolo le sinfonie di Beethoven. Ma non è andata così. Se ad agosto, novembre o febbraio, quando mi è stato chiesto di parlare della mia storia non l’ho fatto, è stato solo per tutelare me stessa e quello che sentivo. Sentivo di voler tutelare i miei sentimenti e la relazione con la persona che per tanto tempo ha fatto parte della mia vita. Non so dire se fosse per amore, probabilmente un grande affetto. Ero ancora coinvolta e tanto disorientata.

Poi però, quando mi viene chiesto qualche settimana fa di raccontarmi, dico di sì. Dico sì perché, per quanto sia difficile da comprendere, per me significava davvero mettere un grande punto a tutto quanto. Non con lui (quello c’era già), ma un punto dentro di me. Penso che con intelligenza e soprattutto rispetto si possa più o meno dire tutto e non bisogna avere paura di farlo. Avevo il cuore sereno e la mente sgombra per poter dire come stavano le cose. Per poter dire alle persone che mi scrivono che è finita per ben altri motivi, che lui non è la brutta persona che a volte dipingono, e io non sono una martire. Che la vita è imprevedibile ma è bella così. Avevo solo paura che le mie parole venissero travisate perché sui magazine qualche effetto speciale c’è sempre, però sono felice di averne parlato. Felice per me stessa. Poterne parlare, pur sapendo che magari dall’altra parte sarei potuta scadere agli occhi di una persona che amavo, mi ha dato una profonda libertà d’animo. Capire nel profondo che non c’era nulla da tutelare, nulla più. Capire che siamo due persone adulte che hanno preso strade diverse. Due persone felici.

Cosa ne pensate?