Chi l’ha visto: Piera Maggio rompe il silenzio e svela dei retroscena legati al programma russo

by Admin

Pubblicato il

Le settimane scorse sono state molto intense per il caso di Denise Pipitone e Olesya Rostova. Oggi Piera Maggio rompe il silenzio..

Le settimane scorse sono state molto intense per quanto riguarda il caso di Denise Pipitone e Olesya Rostova. Alla fine non vi è stata alcuna corrispondenza in termini di gruppo sanguigno tra Denise e Olesya. Quindi non sono la stessa persona.

Ieri la mamma di Denise, Piera Maggio, è intervenuta al programma Chi l’ha visto e ha parlato della situazione dopo del tempo. Ecco le sue parole, come riporta biccy.it:

Voglio mettere un punto su questa storia, ma prima devo fare delle precisazioni. A chi dice che dovevo lasciar perdere, dico che questa verifica andava fatta. Ci sono state segnalazioni che meritavano meno di questa. Qui per analogia e modo, andava fatta una verifica. Ovviamente il metodo che i russi pretendevano non era un metodo che approvavo o che avrei accettato. Loro avevano il DNA di Olesya ma non ce lo volevano passare. Volevano che prima andassi nella trasmissione a fare quel teatrino. Cosa che non avrei mai potuto fare. Non mi sarei mai prestata a questo. L’unico metodo per accelerare i tempi è stato chiedere il gruppo sanguigno.

Il gruppo è servito per evitare lo step successivo. Su quello ci siamo battuti molto. Frazzitta è stato bravo e ha speso tante nottate. I russi richiedevano tutt’altro, per quel programma avevano altre metodologie. Non sono passata dalla Procura perché avrei dovuto aspettare mesi prima di sapere la verità su Olesya. Abbiamo fatto prima a parlare con lo show. A me non importa se Olesya ci sta marciando sopra o altro. Mi interessava solo sapere se era o meno mia figlia. Poi svelo anche che non ho atteso nessun embargo, ho saputo nell’immediatezza il risultato dopo che il mio avvocato ha parlato con loro. Tutti gli altri, giornalisticamente parlando hanno aspettato a dirlo, ma solo per cortesia.