Ignazio Moser, le inaspettate rivelazioni di una ex concorrente de l’Isola dei Famosi sull’ex naufrago (e non solo)

by Admin

Pubblicato il

Ecco di chi si tratta e cosa ha rivelato!

A più di un mese dalla fine de l’Isola dei Famosi, il reality di Canale 5 continua a far parlare di sé!

In merito a ciò, Miryea Stabile, ex pupa ed ex concorrente dell’adventure game targato Mediaset, si è lasciata andare ad alcune inattese rivelazioni su Ignazio Moser.

Ecco tutti i dettagli, riportati da meteoweek.com:

Miryea Stabile si è schierata contro Ignazio Moser, non condividendo alcuni suoi comportamenti. In particolare, la modella ha riportato un episodio, sottolineando il comportamento poco etico dell’ex ciclista: “Una volta ha ucciso una razza e non è mai andato in onda”, ha raccontato. Il finalista ha subito risposto all’accusa, spiegando: “La fame fa brutti scherzi, che si deve fare?”“Gliel’avevo detto io che non poteva”, ha ribadito l’ex naufraga, “E’ proprio un assassino!” ha concluso senza esitazione.

Anche Emanuela Tittocchia, come riporta biccy.it, ha svelato alcuni retroscena sul reality:

Noi naufraghi dormivamo su una stuoia mezza rotta, senza coperte e senza cuscino. […] Nei primi giorni la situazione è stata devastante tra l’umidità, la sabbia che si appiccicava addosso, gli insetti, le zanzare e quei maledetti mosquitos. Loro ti pungono anche se sei tutto coperto. Tra tutti gli animali i mosquitos sono terribili. I loro morsi ti provocano un fastidioso prurito, il corpo si gonfia, ti viene un bruciore devastante, non ci sono rimedi. E poi granchi, ragni, blatte, serpenti… Ad esempio una mattina Angela Melillo si è svegliata con una tarantola sul viso. Spesso i granchi ed i ragni ci camminavano addosso mentre dormivamo, provare per credere.

Lavarsi? Difficilissimo. L’acqua dolce era solo per bere, avevamo un po’ di shampoo da dividerci in 12, ci lavavamo con l’acqua del mare, ma in quelle condizioni ti sentivi sempre sporco, non a proprio agio. Per i nostri indumenti usavamo sabbia e cenere. Anche per cucinare usavamo l’acqua del mare […] non c’era nessun tipo di condimento né olio né sale, avevamo solo 50 grammi di riso a cena, 50 grammi di riso a pranzo. E poi cocchi, pesci quando si era fortunati, lumaconi, cactus e fruttini simili a delle mandorle.

Cosa ne pensate?