Maneskin: Damiano David non è stato il primo cantante scelto per la band, ecco cosa è successo

by admin

Pubblicato il

I Maneskin sono il fenomeno del momento. La band gareggerà per rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest. Ma come sono nati?

I Maneskin sono il fenomeno del momento, considerando il tanto successo, sommato a quello che già possedevano, riscosso dopo aver vinto il Festival di Sanremo. La band gareggerà per rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest. La bassista del gruppo, Victoria De Angelis, in un’intervista per il Corriere della Sera ha raccontato un po’ la storia della band, spiegando che Damiano David non è stato il primo cantante scelto per quelli che sarebbero diventati i Maneskin.

Ecco le sue parole, come riporta Novella 2000:

Avrò messo in piedi una decina di gruppi e in uno dei primi c’era Damiano. Ci chiamavano The Third Room perché suonavamo un aula 3. Ahimè ci sono dei file su Soundcloud che andrebbero eliminati… Facevamo metal e Damiano voleva fare cose più pop. Lo abbiamo allontanato.

Quindi, i Maneskin non sono nati immediatamente e Damiano non era stato nemmeno scelto subito come cantante. Come Victoria racconta una ragazza era stata molto apprezzata per il suo talento, ma in seguito a imprevisti non ha più potuto partecipare al progetto musicale:

Ho incontrato Thomas e con lui abbiamo cambiato un sacco di cantanti. Non ci convinceva nessuno. A un certo punto avevamo trovato una ragazza brava, ma viveva fuori Roma e non riusciva a incastrare gli impegni. In quel momento si è rifatto vivo Damiano. Mi ha scritto che voleva fare sul serio: non era più una pippa, era migliorato. Poi ecco Ethan, trovato mettendo un avviso sul gruppo Facebook “ricerca musicisti” a Roma.

Formata la band, serviva il nome. Come è avvenuta la scelta Maneskin? Victoria è danese, da parte di mamma, e spiega che una sera i ragazzi hanno cominciato a pronunciare qualche parole in danese:

Dovevamo partecipare a un concorso e non avevamo ancora un nome. La sera prima ci siamo messi a cercarlo e gli altri mi hanno detto di provare a dire delle parole in danese. Non mi ricordo quali fossero le altre, ma è piaciuta måneskin che significa chiaro di luna.