“Sono stati loro 100%”, svelato tutto il contenuto della lettera anonima su Denise Pipitone (FOTO)

by Admin

Pubblicato il

Ecco tutti i dettagli!

Le ricerche sul caso della piccola Denise Pipitone sono state riaperte e ci sono degli importanti aggiornamenti sul caso che, ormai da anni, non ha avuto ancora una conclusione!

Il caso di Denise è stato al centro dell’ultima puntata di Chi L’Ha Visto, nel corso della quale, Federica Sciarelli ha svelato interamente il contenuto della lettera anonima, arrivata all’avvocato Giacomo Frazzitta e alla redazione del programma.

La conduttrice ha parlato di un testimone che assicura di aver visto Gaspare Ghaleb e due donne in un’auto, mentre portavano via Denise Pipitone.

Ecco le parole della Sciarelli, riportate da biccy.it:

Sono 17 anni che so dei fatti sulla bambina scomparsa Denise Pipitone e sono sicurissimo al cento per cento che è la realtà dei fatti. Io non ho parlato prima per paura. Nonostante tutto sto parlando adesso di quel poco che ho visto e che credo sia un indizio sicurissimo. Sono stati loro 100 per 100.

Era di mercoledì, tornavo da lavoro intorno alle 12.30-13, abitavo in zona e c’era una fila di auto in coda perché a quei tempi c’era il mercato. Esce un’auto ad alta velocità e sorpassa le auto in coda, si mette correndo nella mia carreggiata e mi tocca specchio e auto, faceva caldo e avevo i finestrini aperti, mi sono accostato e ho guardato dal visore e vedo e sento una bambina gridare Aiuto mamma aiuto.

Era un’auto blu scuro con al lato guida il tunisino, il ragazzo di Gessica Pulizzi. La bambina gridava forte, piangeva dicendo aiuto, ho sentito l’urlo, la bambina, come ho immaginato io era buttata dietro dalla signora che la teneva con i piedi oppure a fianco messa bassa perché la bambina tanto che gridava aiuto che l’altra donna si è girata e le ha messo le mani sulla bocca per non farla urlare. Credetemi io ero fermo e ho visto tutto, ho paura di parlare, ho famiglia e figli ma andate al sicuro, sono loro tre. Sono stati loro al cento per cento.

Qui di seguito la foto:

Cosa ne pensate?