Uomini e Donne, Samantha Curcio parla di com’è Maria De Filippi a telecamere spente!

by Admin

Pubblicato il

Ecco le sue parole!

Samantha Curcio, ex tronista di Uomini e Donne, a distanza di un mese dalla sua scelta, si è lasciata andare ad alcune dichiarazioni!

Samantha, rispondendo ad una serie di domande dei suoi follower, ha parlato, tra le altre cose, della sua scelta, rivelando qualche aneddoto. Le sue parole, riportate da biccy.it, non sono di certo passate in secondo piano:

No, non mi sono pentita di nulla di quello che ho fatto. Non perché io creda di non aver mai sbagliato nulla. Però sono stata me stessa in ogni sfaccettatura. Io non ho mai studiato la parola giusta da dire, sono stata istintiva in tutto.

Se decidevo io cosa mettere? me lo chiedete in tanti. Ci sono dei costumisti e sceglievamo insieme come io potessi sentirmi a mio agio. Loro mi consigliavano cosa mi stesse meglio. Perché per me sono scegli pochi ragazzi? Allora, io vedevo i provini insieme alla redazione per via del Covid. Per me hanno chiamato più di 80 ragazzi. Non li facevo scendere perché non volevo perdere tempo. O mi piacevano o no, non volevo davvero allungare il brodo. Prima della scelta stavo per far chiamare il medico. Giuro, non sto scherzando, sono seria. Non mi sentivo bene, volevo un medico e desideravo andare via.

L’ex tronista, inoltre, ha parlato di Maria De Filippi a telecamere spente:

Maria a telecamere spente è una donna umilissima, gentilissima, tranquillissima, è brava, è una mamma, dico davvero. Quando ho fatto il colloquio con lei è stata una madre, molto simpatica, umile, allegra. Mi faceva tante battute, è stato bello. Nei corridoi si fermava a parlare. Quindi se dovessi usare tre aggettivi per lei direi: umile, dolce e oggettiva. La prima puntata non realizzavo. Rivedendo la prima puntata mi sono rivista e non mi sembravo io. Zero portamento, è stato molto strano. In studio avevo tanta ansia, tachicardia, ero in tensione. Inizialmente ero a disagio. Non c’è un manuale per fare la tronista perfetta. Poi mi sono detta ‘sono una ragazza normale e merito l’amore’. Mi sono sentita inadeguata, però poi sapevo di essere una persona onesta e mi rincuoravo e mi davo forza.

Cosa ne pensate?